Passare la dogana americana

Ha pianificato un viaggio negli Stati Uniti e si è preso cura di ogni dettaglio? Prima di poter esplorare il paese, dovrà passare la dogana americana. Molti viaggiatori europei temono questo momento, generalmente considerato lungo e complicato. Non si faccia prendere dal panico! Infatti, tutto è organizzato per facilitare la vita dei viaggiatori e permettere loro di iniziare il soggiorno il più presto possibile. Se ha compilato correttamente il suo modulo ESTA e ottenuto la sua autorizzazione, tutto dovrebbe andare bene.

I moduli e i documenti da portare con sé alla dogana

Prima di partire, ha richiesto un permesso ESTA. Senza una valida autorizzazione ESTA, non è possibile organizzare un viaggio negli Stati Uniti, quindi ha tutto l’interesse di affidare questo procedura amministrativa ad un team esperto! Tuttavia, è bene sapere che questo documento obbligatorio non garantisce il suo ingresso negli Stati Uniti: è l’ufficiale dell’immigrazione che deciderà sul suo ingresso definitivo.

Il governo degli Stati Uniti, attualmente guidato da Donald Trump, consiglia di stampare il modulo ESTA prima della partenza. I funzionari doganali, però, non vi chiederanno di presentare questo documento quando si effettuano i controlli poichè tutte le informazioni che la riguardano sono state comunicate direttamente a loro al momento della sua richiesta. Tuttavia, è necessario presentare un passaporto biometrico o elettronico valido.

In aereo, avrà compilato una piccola scheda blu, il modulo doganale. Le sarà fornita dal personale di bordo e conterrà alcune delle sue informazioni personali. Dovrà indicare il suo numero di passaporto, dove soggiornerà (si assicuri di avere l’indirizzo esatto), la quantità di denaro che porta con sè, ma anche se è in possesso di oggetti particolari come frutta, verdura, insetti, prodotti di origine animale, colture cellulari o anche terra.

Le diverse fasi del passaggio in dogana

Dopo aver richiesto il passaporto e il modulo doganale, i funzionari controllano sul loro computer che la sua autorizzazione ESTA sia stata effettivamente convalidata.

Successivamente, le saranno poste domande semplici che possono riguardare i motivi del suo viaggio e la durata del suo soggiorno. Ogni viaggiatore viene quindi fotografato e scansionate le impronte digitali.

Nella maggior parte dei casi, questo colloquio è una semplice formalità. In alcuni casi, il funzionario può ritenere necessario porre ulteriori domande.

Ulteriori informazioni relative all’argomento: